Scuola Primaria "Rodari" c/o "E.S.Verjus" - Viale Paganini, 21 - 28047 OLEGGIO (NO)

 

FATTI D'ARTE




CLASSE PRIMA

COMPOSIZIONE DEL GRUPPO
Il gruppo è composto da 25 alunni di prima e 3 alunni di terza che hanno chiesto un'attività alternativa all'insegnamento della religione cattolica.
Lavorano suddivisi in due sottogruppi.

TAPPE DEL PERCORSO

art145I COLORI DELLA GIOIA

Prima esperienza di laboratorio: dipingere con le tempere a dita usando i tre colori fondamentali. Nella mente della maestra c'era il fascino di far lavorare i bambini sul contrasto fra colori puri, il più semplice dei contrasti. L'accostamento di giallo, rosso e blu rappresenta il massimo grado di tensione fra colori puri; quando i tre primari risultano nettamente distinti ne risulta un effetto chiassoso, energico e deciso. Inoltre sapevo che sarebbe stata l'occasione per scoprire altri colori, i colori derivati, appunto!. Ora che li guardo, mi rendo conto di quanto la gioia stia piuttosto nel segno, nel gesto. Dipingere con le dita, sporcandosi le mani, è un'attività trasgressiva e liberatoria. Poco contrasto fra colori puri, dunque, ma tanta gioia nel mescolarli, nel sovrapporli, nel cercare nuovi effetti! E poi le prime differenze. Chi produce a più non posso e parla continuamente "Maestra, ho scoperto come si fa il verde, e l'arancione..il marrone, e il viola!!!" Chi si attarda a guardarsi le dita e i segni lasciati sul foglio, muto,, completamente assorto nella magia. Chi sperimenta cose differenti, chi riproduce il medesimo gesto, qualcuno tenta raffigurazioni ma i più cercano di individuarle a disegno finito, come si fa con le nuvole, quando la maestra chiede di dare un titolo all'opera! Allora la fantasia di nuovo galoppa!
La consegna era infatti: lasciate fare alle dita quello che vogliono, non pensate a nulla..

CLICCA QUI PER VEDERE I DISEGNI

 

art145COLORI A PONGO

Per favorire l'esperienza tattile che migliora e affina il coordinamento delle dita e l'esperienza estetica che migliora la sensibilità nell'uso dei colori, i bambini hanno usato il pongo come se fosse un colore a tempera , spalmandolo sulla superficie del cartone per "colorare". Hanno ricevuto inizialmente i tre colori primari e potevano ottenere i colori derivati impastandoli fra loro. In questo modo ripetevano e consolidavano quanto già sperimentato con i colori a dita. Infine hanno prodotto spontaneamente piccole sculture tridimensionali. I lavori ottenuti sono difficilmente conservabili in classe e quindi sono stati riconsegnati .


CLICCA QUI PER VEDERE QUALCHE ESEMPIO

art145COLORI A CARTA

I colori questa volta sono stati ricavati dalle foto delle riviste. I bambini dovevano quindi cercare i colori, ritagliarle le parti colorate a piccoli rettangoli e, con quei frammenti, dovevano colorare i loro disegni. Ho potuto constatare quanto sia piuttosto difficile per i bambini ricavare i colori dalle foto e utilizzarli in modo indipendente dalla raffigurazione di cui facevano parte!


CLICCA QUI PER VEDERE I DISEGNI

art145COLORI A PENNELLO

Un bicchiere e un pennello per colore. La consegna permette di dipingere qualsiasi cosa i bambini si sentano di fare, figurativo o astratto, con l'unica regola di mantenere il pennello nel suo bicchiere. Al cambio di colore va cambiato il pennello. Una parte dei dipinti così realizzati sono diventati proprietà del gruppo per la realizzazione dell'attività successiva (n°5).

CLICCA QUI PER VEDERE I DISEGNI

art145LA BELLEZZA STA IN CHI GUARDA

Con una cornice di cartoncino nero è stato chiesto a ciascun bambino di guardare con attenzione i disegni prodotti dai compagni e di identificare il "proprio" quadro, ovvero una parte di disegno in cui ritiene di vedere "la bellezza" .

CLICCA QUI PER VEDERE I DISEGNI

art145COLORI A FROTTAGE

Un foglio di carta già utilizzato e tagliuzzato in forme a caso diventa la base di un frottage realizzato con fogli di carta colorata e pastelli ad olio. Create le carte artistiche, i bambini divisi a gruppi devono accordarsi sul disegno che vogliono fare; poi ritagliano dalle carte le forme che rappresentano gli elementi del loro disegno. Per far ciò devono mettersi d'accordo perché i bambini sono divisi a gruppi di 5 componenti: si entra in una dimensione collettiva e non facile di condivisione.
Tuttavia non avviene nessun conflitto, solo alcune discussioni (e questo è bene!)

 

art145MURALES

Mi sembra molto interessante questo fatto di lavorare a gruppi. Lo ripropongo anche a pennello. Questa volta ci si accorda su un disegno su grande foglio, da realizzare a tempera; ciascuno cerca il proprio spazio e il proprio ruolo, la mediazione fra il proprio desiderio d'espressione e la logica degli altri. Interessantissime le discussioni, ma ancora una volta i conflitti sono rari (uno, ma in toni comunque non aggressivi!) Si scopre come la libertà di ciascuno abbia fine dove comincia quella dei compagni, di come sia difficile anche solo modificare in parte ciò che si è pensato perché non rientra nel pensiero del gruppo, di come sia importante NON rinunciare completamente al proprio desiderio di rappresentazione perché altrimenti ci si sente tristi, troppo tristi!

CLICCA QUI PER VEDERE I DISEGNI

art145UN COLORE ALLA VOLTA


Il percorso mira ad esplorare i tre colori primari, il bianco e il nero a partire dalla lettura del libro illustrato "Il paese dei cinque regni".
Come Kandinsky e Klee hanno insegnato , possiamo usare i colori come strumenti per rappresentare il mondo interiore, cioè per comunicare emozioni, sentimenti, idee. Ogni colore è inoltre una categoria, un grosso contenitore in cui stanno diverse variazioni cromatiche, che potremo divertirci a definire. Il percorso mira quindi a rendere più consapevoli i bambini sia sull'esistenza di infinite variazioni di tono all'interno di un colore, sia sul carattere emotivo e simbolico che ha ogni colore (teoria espressionistica dei colori)
Ciascun bambino sceglie un colore e si formano così piccoli gruppi; per quel colore si cercano tutte le tonalità di tempere a nostra disposizione.
Si passa a dipingere in gruppo un paesaggio usando solo un tipo di colore.
L'incontro seguente è sempre dedicato a quel colore, ma questa volta, sempre in gruppo, si crea un paesaggio a partire da materiali di recupero che i bambini hanno portato a scuola.
Infine con la stessa tecnica viene realizzato anche un lavoro individuale

CLICCA QUI PER VEDERE I DISEGNI

art145LE EMOZIONI E I COLORI


Il colore ha il potere di risvegliare sensazioni, ricordi ed emozioni. Come vi sentite oggi? Contenti o arrabbiati? Possiamo trovare un colore adatto ad esprimere la gioia, la tristezza e la rabbia? Così abbiamo dato spazio al racconto delle cose belle e brutte che ci succedono, legandole ad un colore. Naturalmente gli abbinamenti sono del tutto personali: il colore bianco può essere collegato ad un senso di indifferenza (Mi sento "bianco" quando non ho voglia di fare niente.) ma anche ad un senso di sicurezza, di protezione (mi sento "bianco" quando sono con mamma e papà); il rosso può essere rabbia o gioia e così via! Non esiste una regola, per fortuna, e non deve esistere!!! Abbiamo cercato il collegamento fra i 5 colori analizzati e ben 8 emozioni: tristezza, felicità, imbarazzo, paura, rabbia, indifferenza, noia, sicurezza: la felicità è stata l'emozione più rappresentata.

CLICCA QUI PER VEDERE I DISEGNI

art145IMMAGINI AL COMPUTER

Disegnare e colorare con tante tecniche, con tanti materiali.ma anche con le tecnologie moderne! E' l'occasione per entrare nell'aula di informatica e per imparare ad accendere il computer, aprire "Paint" , imparare a tenere in mano il mouse, prendere confidenza con colori e strumenti, linee a mano libera e forme geometriche. Grande entusiasmo!!!

CLICCA QUI PER VEDERE I DISEGNI

 

art145UN RAGGIO GIALLO NEL REGNO BLU

Riprendiamo i pennelli, dopo la lunga pausa dell'informatica e del collage. La proposta è la seguente: come accadeva nella storia de "Il paese dei cinque regni", nel muro che divide il regno blu da quello giallo si crea una spaccatura e un raggio giallo invade il regno blu e contemporaneamente un raggio blu invade il regno giallo. Cosa succede? Tutti gli oggetti dei due regni assumono tonalità differenti di verde! Allora  preparo tanti piatti di colore mescolando in quantità progressive blu e giallo. Ciascun bambino è invitato a dividere il foglio in tante parti con una linea e a riempire i diversi spazi rispettando la gradualità. I diversi toni di verde ottenuti si chiameranno, da adesso in poi, "sfumature".

Questo lavoro mi sembra sia piaciuto molto anche perché ha consentito forse per la prima volta di concentrare l'attenzione sulla pura tecnica del colore a pennello, in quanto non c'era la possibilità di rappresentare alcunché.

 Si tratta di porre attenzione a semplici gesti e verificare che l'attenzione del gesto porta ad un risultato di maggior qualità è o diventa veramente uno stimolo a fare meglio.

CLICCA QUI PER VEDERE I DISEGNI

art145UN RAGGIO ROSSO NEL REGNO GIALLO

Esploriamo nuove sfumature, asciughiamo il pennello, ripassiamo per togliere le "montagnette" di colore, aspettiamo che asciughi, passiamo un secondo strato di colore, laviamo il pennello, affrontiamo una nuova sfumatura.

CLICCA QUI PER VEDERE I DISEGNI

 

art145IL RAGGIO DEL BLU NEL REGNO DEL ROSSO

 

CLICCA QUI PER VEDERE I DISEGNI

 

art145IL RAGGIO DEL BIANCO NEL REGNO DEL NERO

Esploriamo nuove sfumature, asciughiamo il pennello, ripassiamo per togliere le "montagnette" di colore, aspettiamo che asciughi, passiamo un secondo strato di colore, laviamo il pennello, affrontiamo una nuova sfumatura.

CLICCA QUI PER VEDERE I DISEGNI

 

 

 

Scuola primaria
"Verjus" - Oleggio (NO)
Aggiornamento: 17-01-2012